vai al contenuto. vai al menu principale.

Il comune di Villanova d'Ardenghi appartiene a: Regione Lombardia - Provincia di Pavia

Storia

Villanova d'Ardenghi fa parte della provincia di Pavia e il suo territorio è posto tra il fiume Po e il fiume Ticino, in una felice posizione che domina una vasta vallata formatasi nei tempi preistorici e solcata da diversi piccoli corsi d'acqua corrente, le rogge, che hanno permesso, fin dall'epoca romana, la coltivazione del riso. Il Comune ha un territorio relativamente piccolo. Con i suoi 681 ettari figura agli ultimi posti nell'elenco della Provincia.

Nella storia pavese si parla a più riprese di un certo Villano de Ardenghi, un patrizio che era stato, nel 1200, Podestà di Pavia e, sempre nel 1200, viene menzionato in diverse registrazioni un Ardengus de Gropello, ma questi due personaggi sicuramente non hanno nulla a che fare con il nome del paese, mentre invece è fondata la convinzione, sulla scorta di notizie storiche, che Villanova abbia preso il nome d'Ardenghi dai feudatari che ne tennero la Signoria, insieme alle terre e alle località vicine, per diversi anni nella prima metà del 1700.

Villanova fu un possesso del monastero di Santa Maria Teodote di Pavia fin dal X secolo. Il nome di Villanova indica che fu fondata o rifondata, probabilmente in quel periodo, come insediamento agricolo. Poco dopo ne divennero signori gli Ardenghi, tanto che già nel 1250 era detta Villanova de Ardenghis. Ebbe sempre un forte legame con la vicina Carbonara al Ticino, tanto che in qualche periodo la sua chiesa dipese dalla parrocchia di Carbonara, e anche i comuni furono forse uniti. Comunque feudalmente le sorti dei due paesi furono diverse: mentre infatti Carbonara fu legata al feudo di Gropello, Villanova appartenne dal XV al XVII secolo agli Eustachi di Pavia, feudatari di gran parte della Lomellina sudorientale (Cava Manara, Zinasco ecc.), e dal 1666 ai Peverelli di Milano. Nel 1713 passò, con tutta la Lomellina, sotto la sovranità dei Savoia, appartenendo alla Provincia di Lomellina, e dal 1859 alla Provincia di Pavia.